Storia del dildo

La parola “dildo” deriva dalla parola italiana “diletto”, che significa “piacere”. I primi vibratori erano fatti di pietra, catrame, legno, osso, avorio, calcare, denti e altri materiali che potevano essere modellati come peni e che erano abbastanza solidi da essere usati come sex toys penetrativi.

I dildo non sono così moderni come si pensa. Hanno accompagnato l’umanità dall’inizio dei tempi. Troveremo pezzi in pelle fino alle forme, colori e materiali più innovativi e sorprendenti.

Il sesso e l’autostimolazione sono state una delle aree più analizzate e meno comprese dell’esistenza umana nel corso della storia. La nostra società esiste e non si è estinta a causa dell’istinto primordiale del sesso. Infatti, alcuni pensatori, come Freud, sostengono che la religione, la politica e l’economia non sono altro che una maschera per nascondere la pulsione eterna che domina l’essere umano.

Bisogna dire che anche i nostri antenati erano più liberali di noi oggi. Diversi studi hanno mostrato alcune rivelazioni di sex toys e pratiche erotiche in tempi molto più antichi. Inoltre, mostra come il godimento sessuale di se stessi sia passato dall’essere naturale o moralmente disapprovato in un’altra epoca.

dildo preistorico

Preistoria

Gli scienziati tedeschi dell’Università di Tubinga hanno trovato nelle grotte di Hohle Fels vicino alla Svevia. È conosciuto come il dildo più antico del mondo. Sono falli fatti di pietra perfettamente levigata, che simulano la forma di un pene.

È lungo circa venti centimetri e largo tre. È fatto di siltite, che è una pietra fangosa perfettamente levigata e si stima che abbia circa 28.000 anni. Questo primo dildo è stato ricostruito da quattordici frammenti che sono stati trovati insieme.

Antico Egitto

La civiltà faraonica era anche nota per il suo amore per il sesso. Gli egittologi hanno scoperto una varietà di papiri, ceramiche e sculture raffiguranti varie scene sessuali che precedono il Kama Sutra. Diversi dipinti dell’antico Egitto intorno al 3000 a.C. mostrano dildo usati in vari modi.

Durante l’epoca dei faraoni egiziani, nel VI secolo a.C., mancavano i tabù sessuali che oggi dominano la civiltà occidentale, quindi l’uso dei dildo era molto comune tra la popolazione.

Sono stati trovati vasi con disegni di donne che usano dildo, sia analmente che vaginalmente. Questi disegni mostrano come le donne facevano sesso orale sugli uomini. Il sesso era qualcosa di familiare e divertente, che veniva vissuto in tutto il suo splendore e goduto appieno.

Ci sono anche leggende su Cleopatra, conosciuta anche come la bocca dei 10.000 uomini per la sua pratica orale su un intero esercito di soldati romani. Si dice che usasse una zucca che riempiva di api. Ha usato le vibrazioni delle api che svolazzano dentro questo frutto per darsi piacere. Usava anche un rotolo di papiro e lo riempiva di api vive. Il battito delle loro ali lo faceva muovere e le dava piacere.

dildo antico egitto

Antica Grecia

Dopo l’età della pietra, gli antichi greci non guardavano al mondo esterno per l’ispirazione sessuale in termini di falli artificiali, ma all’interno della cucina. Una delle loro pratiche sessuali più famose era l’uso di dildo fatti interamente di baguette.

Questo dildo si è evoluto fino all’antica Grecia, dove ha ricevuto il nome di Olisbo. Erano i dildo a forma di pene con cui si cercava l’autocompiacimento per arricchire il rapporto sessuale. All’inizio erano fatti di pietra, ma col tempo furono fatti di cera, cuoio o legno, lubrificati con olio d’oliva.

vaso con dildo

L’immagine più antica che si riferisce inequivocabilmente all’uso di quello che è conosciuto oggi come un dildo è un vaso greco del VI secolo, la cui decorazione mostra una donna piegata che esegue una fellatio mentre un altro uomo inserisce un dildo in lei.

Platone e Ippocrate parlavano già di un fenomeno che chiamavano isteria femminile. Si riferivano al disagio prodotto nell’utero della donna, che era considerato un animale che si aggirava nel corpo delle donne causando varie malattie, e si curava massaggiando i genitali o usando l’olisboi, raggiungendo l’orgasmo e potendo così espellere il suo liquido vaginale.

Si credeva che l’isteria fosse causata dall’astinenza sessuale, quando in realtà non era altro che frustrazione sessuale. Per questo motivo, i medici raccomandavano alle donne sposate di fare sesso molto spesso con i loro mariti e alle donne non sposate di sposarsi o usare olisboi.

Su un altro vaso greco del V secolo a.C., si vede una donna che usa un dildo. Questi erano probabilmente olisboi, riproduzioni falliche, spesso realistiche, che erano fatte di cuoio, pietra intagliata o legno.

I greci usavano i dildo anche in altri contesti. Nella famosa commedia Lisistrata di Aristofane, per esempio, le donne greche fanno uno sciopero del sesso, che porta a una discussione sull’uso di dildo per soddisfarsi per la durata della protesta.

Aristofane nella sua opera Lisistrata chiamava l’olisboi il dildo delle vedove. Così, nei matrimoni greci, la madre forniva alla nuova coppia tutti gli elementi essenziali perché il sesso avesse luogo in modo soddisfacente e senza problemi. Sotto il letto matrimoniale si metteva un vaso di miele per dare energia allo sposo, la menta che è un potente afrodisiaco e un’immagine del dio greco Priapo, che era la divinità della fertilità.

dildo antica grecia

Se rivediamo la storia della prima ginecologa greca, Agnocida, possiamo vedere come l’olisbos era totalmente normalizzato nella vita delle donne greche. Agnocydia divenne medico ad Alessandria, poiché questa professione era proibita alle donne in Grecia. Tornò ad Atene come medico, ma fingendosi un uomo.

Un giorno, nel mezzo del foro ateniese, dovette assistere una donna che stava partorendo. Poiché lei rifiutava di essere assistita perché era un uomo, Agnocidide sollevò la sua veste di medico in modo che lei potesse vedere che era una donna come lei e quindi poterla assistere.

Questo fece sì che la sua presenza si diffondesse tra le donne ateniesi, aumentando notevolmente la sua clientela e provocando la gelosia professionale di altri medici che la accusavano di violentare le sue pazienti.

Questo la portò in tribunale, e per provare che non poteva violentare le donne, fece cadere la sua tunica da medico e fu provato che era una donna, e così fu scagionata. Allo stesso tempo, fu perseguita per aver praticato la medicina come donna, che era punibile con la morte.

Le donne hanno scioperato chiedendo l’assoluzione di Agnócide, gridando che se lei non poteva toccarle, neanche gli uomini avrebbero fatto sesso con loro, e hanno brandito l’olisboi nelle loro mani. Il risultato di questo sciopero fu l’abrogazione del divieto per le donne di praticare la medicina.

Ai tempi della grandezza di Atene sotto Pericle, gli olisboi erano molto popolari a Mileto, che allora era greco e si trova in Turchia. Se vai in Turchia, assicurati di visitare Mileto. Questi dildo erano famosi perché scivolavano molto facilmente ed erano fatti di pelle di cane.

È chiaro che la vita in Grecia era tranquilla e che il sesso era praticato liberamente e senza vergogna. Infatti, in questi anni era comune avere grandi baccanali dove l’uso di dildo era normale, così come ubriacarsi.

Impero Romano

I costumi dell’antica Roma erano molto diversi, meno permissivi, ma i comportamenti culturali greci erano accettati e imposti. Successivamente, il pensiero cambiò notevolmente, a causa dell’arrivo del cristianesimo, che non accettava la sessualità libera, ma solo quella che aveva uno scopo riproduttivo.

Durante l’Impero Romano apparvero i diletti, diletti di diverse forme, dimensioni e consistenze che venivano lubrificati con olio d’oliva. Durante le orge romane, il diletto serviva a ravvivare la serata e ad aiutare le donne quando gli uomini erano esausti dal cibo e dal vino.

dildo antica roma

Cina

Possiamo trovare dildo di duemila anni prima di Cristo. C. La sorprendente ricchezza della dinastia cinese Han del 206 a.C. Il 220 d.C. ci ha lasciato delle tombe incredibilmente elaborate, che contenevano una grande varietà di oggetti raffinati, compresi i sex toys.

Essenzialmente, gli Han credevano che i loro spiriti avrebbero vissuto in queste tombe nell’aldilà. E i reali speravano di mantenere lo stesso livello di vita dopo la morte, il che significava che portavano con loro alcuni dei loro beni più importanti, tra cui dildo di bronzo.

dildo antica cina

Questi giocattoli erano aiuti sessuali che era sempre bene avere a portata di mano ed erano prodotti di alta qualità. Tuttavia, anche se questi dildo erano sex toys, avevano funzioni aggiuntive oltre al loro uso come strumenti.

Questi falli avevano uno scopo più ampio del puro piacere fisico. Gli Han credevano che l’equilibrio tra yin e yang, i principi spirituali femminile e maschile, potesse essere raggiunto durante il sesso. In questo senso, il sesso, soprattutto se era piacevole e durava un tempo sufficiente, aveva una dimensione spirituale.

Pertanto, per il popolo della dinastia Han, l’inclusione di questi sontuosi sex toys nelle loro tombe non era un evento folle. Invece, era importante assicurarsi che il defunto avesse un aldilà pacifico e amorevole.

Le donne cinesi del XV secolo usavano dildo di legno laccato con superfici strutturate. È stato dimostrato che alcuni di essi sono stati testati per le sensazioni orgasmiche.

Erano veri professionisti nell’arte di fare l’amore e conoscevano bene le antiche pratiche sessuali taoiste, nelle quali i praticanti credevano che compiendo tali azioni avrebbero goduto di buona salute e maggiore longevità.

Essendo un atto così benefico per la salute, il sesso veniva praticato regolarmente e con facilità. I cinesi praticavano il sesso per rimanere giovani e in forma per tutta la vita.

Giappone

Nel periodo Edo in Giappone, la gente aveva un atteggiamento molto diverso e decisamente rilassato nei confronti dei sex toys. I giapponesi rappresentavano questi ausili sessuali nei loro libri erotici e nelle immagini conosciute come “shunga”.

Lo shunga è un genere di produzione visiva giapponese che ha come tema principale la rappresentazione del sesso. Anche dopo che il governo giapponese proibì lo shunga nel 1722, fiorì nei mercati clandestini.

Le origini delle palle Geisha, le famose palle cinesi, sono incerte, ma sono apparse in Oriente intorno al 500 d.C. Le palline erano popolari tra le donne per aumentare il piacere durante il sesso o per facilitare buoni momenti di auto-piacere. Oltre alla loro funzione piacevole hanno un uso per rafforzare e mantenere il pavimento pelvico in forma.

dildo giappone

L’aristocrazia giapponese del VII secolo praticava il gioco erotico birichino chiamato Kokigami, che consisteva nel fare figure di carta che rappresentavano un animale e inserirvi il pene.

Gli uomini si avvolgevano in sciarpe di seta e nastri con disegni complessi e sorprendenti. La donna si muoveva in modo sessuale, un momento di grande eccitazione. Con il passare dei secoli, il panno fu sostituito dalla carta di seta.

I dildo sono apparsi in Giappone nei secoli XVII e XVIII con lo shung. In questi romanzi erotici, le donne sono mostrate mentre comprano con entusiasmo dei dildo, alcuni dei quali fatti con corna di bufalo d’acqua.

Medioevo

Con l’avvento del medioevo ci fu un cambiamento di mentalità nella società, che seguiva ciecamente la volontà divina, così che le relazioni sessuali durante il Medioevo erano limitate a scopi procreativi, così che le relazioni omosessuali erano disapprovate e perseguitate dalla chiesa.

L’uso dei dildo nel Medioevo era perseguitato dalla chiesa. Tuttavia, sono stati trovati dei dildo di questo periodo, ma erano molto difficili da ottenere.

Le donne nel Medioevo usavano una pianta chiamata “inguine cantonese” che veniva immersa in acqua calda per ingrandirla e indurirla al fine di usarla per una funzione simile a un dildo.

Questi gadget erano clandestini durante il Medioevo, un periodo in cui la religione dominava la vita e la cultura.

Rinascimento

I dildo videro la luce di nuovo con l’arrivo del Rinascimento, raggiungendo grandi forme artistiche in linea con il periodo. In Italia, durante il 1400, i dildo erano fatti di pelle, legno o pietra.

Il Rinascimento italiano ci ha lasciato meravigliosi dipinti, affreschi e sculture in cui possiamo apprezzare diverse scene molto esplicite di coppie in posizioni sessuali.

Fu in questo periodo che l’olio d’oliva cominciò ad essere usato come lubrificante con i dildo per rendere la penetrazione più piacevole, sensuale e per niente dolorosa.

Più tardi, gli oli divennero più sofisticati e furono profumati con fiori e altre essenze per creare un’atmosfera più ricca, sensuale ed erotica.

dildo rinascimento

Eta’ moderna

Nel corso dei secoli, e man mano che ci spostiamo nell’Europa del XVI e XVIII secolo, i dildo divennero più scandalosi. Lo scrittore italiano Pietro Aretino registrò come le suore iniziarono a usare i dildo in quel periodo per “sedare il prurito della carne”.

Un secolo dopo, i dildo cominciarono ad essere usati di più dai ricchi, ma il loro uso crescente non significava che fossero tollerati nella nobiltà. Quando l’audace John Wilmot, conte di Rochester, importò dei dildo in Inghilterra per il suo sex club nel 1670, furono immediatamente distrutti. 

Le donne inglesi cominciarono a fare i propri dildo, per quanto illegali.

Nel 1870, il medico Joseph Mortimer Granville inventò il primo dildo elettromeccanico della storia. Era di forma fallica, di grandi dimensioni e permetteva alle donne di raggiungere l’orgasmo in meno di dieci minuti.

A causa del successo di questo dildo elettromeccanico, l’azienda americana di elettrodomestici Hamilton Beach produsse in massa un dildo più piccolo, che serviva a de-stressare le donne e a renderle felici. Come curiosità, l’azienda è riuscita a intercambiare la testa e poteva essere usata a volte come un dildo e a volte come un frullatore.

Il loro prezzo abbordabile e il fatto che apparissero in numerose pubblicità in tutti i tipi di riviste fecero sì che migliaia di unità fossero vendute. L’uso di un dildo vibrante non era né morboso né scandaloso, poiché veniva acquistato per motivi di salute e su stretto consiglio medico.

Nei tempi moderni, il dildo è stato fabbricato in una miriade di materiali, ma il materiale di maggior successo è il dildo di silicone creato da Gosnell Duncan.

Duncan ha subito un infortunio nel 1965 che lo ha lasciato paralizzato sotto la vita. Il suo incidente lo ha ispirato a diventare attivo nel movimento dei disabili e a cercare materiali migliori per i sostituti del pene.

Eta’ contemporanea

Il vibratore è emerso nel XIX secolo come strumento medico per curare la ben nota isteria femminile che apparve alla fine del XIX secolo nelle donne occidentali.

Incapace di toccarsi perché era disapprovato, il medico Joseph Mortimer Granville inventò il vibratore elettrico, che usava per curare le donne. All’epoca si credeva che alcune donne soffrissero di isteria e i suoi sintomi erano: irritabilità, umore, nervosismo…

Il trattamento si basa sull’uso di questi vibratori per dare un massaggio pelvico e raggiungere così l’orgasmo della donna. Questa malattia del XIX secolo fu causata dalla repressione della sessualità femminile, dovuta alla repressione sessuale dell’epoca vittoriana.

Sia i medici che le ostetriche offrivano loro il massaggio curativo strofinando un dito con olio di essenza di fiori. Spesso i mariti o le madri si sedevano e guardavano mentre le donne venivano masturbate fino all’orgasmo desiderato.

Qato in una miriade di materiali, ma il materiale di maggior successo è il dildo di silicone creato da Gosnell Duncan.

Duncan ha subito un infortunio nel 1965 che lo ha lasciato paralizzato sotto la vita. Il suo incidente lo ha ispirato a diventare attivo nel movimento dei disabili e a cercare materiali migliori per i sostituti del pene.

dildo Joseph Mortimer Granville

Nel 1870, il medico Joseph Mortimer Granville inventò il primo dildo elettromeccanico della storia. Era di forma fallica, di grandi dimensioni e permetteva alle donne di raggiungere l’orgasmo in meno di dieci minuti.

A causa del successo di questo dildo elettromeccanico, l’azienda americana di elettrodomestici Hamilton Beach produsse in massa un dildo più piccolo, che serviva a de-stressare le donne e a renderle felici. Come curiosità, l’azienda è riuscita a intercambiare la testa e poteva essere usata a volte come un dildo e a volte come un frullatore.

Il loro prezzo abbordabile e il fatto che apparissero in numerose pubblicità in tutti i tipi di riviste fecero sì che migliaia di unità fossero vendute. L’uso di un dildo vibrante non era né morboso né scandaloso, poiché veniva acquistato per motivi di salute e su stretto consiglio medico.

Nei tempi moderni, il dildo è stato fabbricato in una miriade di materiali, ma il materiale di maggior successo è il dildo di silicone creato da Gosnell Duncan.

Duncan ha subito un infortunio nel 1965 che lo ha lasciato paralizzato sotto la vita. Il suo incidente lo ha ispirato a diventare attivo nel movimento dei disabili e a cercare materiali migliori per i sostituti del pene.

Durante gli anni ’60, i dildo erano in gran parte fatti di gomma, ma questo era un materiale povero, poiché non poteva resistere a lavaggi pesanti o al riscaldamento senza perdere la sua integrità strutturale. 

Inoltre, i dildo erano venduti come ausili medici e solo a coppie eterosessuali che avevano problemi sessuali.

I sex toys nel corso della storia sono rimasti abbastanza coerenti nell’aspetto, nella forma e nella lunghezza, e sono stati un punto fermo in molte culture del mondo per millenni.